Isernia, per due mesi donna segregata in casa da uomo conosciuto in chat

Published by: 0

ISERNIA – Una storia di violenza e maltrattattamenti quella consumata nella camera da letto dell’abtazione di una donna di Isernia di 53 anni, da due mesi segregata per mano di un uomo di 22 anni proveniente dalla provincia di Venezia.

Una storia che è emersa grazie al figlio della donna, preoccuato per la mancanza di contatti con la madre da ormai troppo tempo, il quale ha richiesto l’intervento dei poliziotti. Dopo essere giunti all’abitazione senza ricevere risposta, hanno fatto intervenire i vigili del fuoco. Dopo un’intensa trattativa sono riusciti ad accedere all’abitazione e lo scenario che si è presentato loro è stato raccapricciante: la casa era vistosamente in disordine, maleodorante. La donna, trovata in condizioni pessime, con ecchimosi sul corpo ed evidente stato di shock, la quale è crollata solo quando il suo aguzzino è stato portato via.

La donna, come ha poi raccontato alla polizia, ha conosciuto questo ragazzo in chat e si è recata a Venezia per incontrarlo di persona. Successivamente la donna lo ha invitato a Isernia per ospitarlo a casa sua e, dopo pochi giorni di pacifica convivenza, l’atteggiamento del ragazzo si è trasformato in maniera violenta, sottomettendo la donna picchiandola e obbligarla a fare i suoi bisogni dentro in un recipiente di plastica. La donna è stata privata del tuo cellulare, del suo bancomat e riceveva un solo pasto al giorno.

Oggi la donna è ricoverata a Venezia assistita anche da psicologi, mentre il 22 enne è stato incarcerato a Ponte San Leonardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *